5 Luglio 2022

I Genesis in concerto al Circo Massimo

Il prossimo 14 luglio la band inglese Genesis sarà a Roma, al Circo Massimo, con uno spettacolo che si preannuncia ricco di sorprese pensate appositamente per il pubblico italiano.

Nella formazione composta da Phil Collins, Tony Banks e Mike Rutherford, i Genesis, tornati insieme dopo più di un decennio d’assenza, celebreranno a Roma l’ultima data di una tournèe che ha toccato 21 città europee.

In via eccezionale il concerto si svolgerà al Circo Massimo per poter accogliere l’enorme palco del Turn it on Again Tour.
Sono previsti effetti speciali, strutture mobili e torri gigantesche. La capienza del Circo Massimo si avvicina al milione di persone, tante infatte ne sono previste a Roma sabato prossimo.

Si parla anche, ma sono soltanto voci, di una remota possibilità che al gruppo si aggreghi anche Peter Gabriel, a Roma in questi giorni; gli organizzatori stanno spingendo molto in questa direzione, ma è difficile sapere se e come avverrà questa storia riunificazione.

L’ingresso è gratuito.

Il gruppo musicale dei Genesis si forma a Godalming, vicino a Londra, dalla fusione degli Anon e dei Garden Wall. Inizialmente composto da Tony Banks, Peter Gabriel, Anthony Phillips, Mike Rutherford e Chris Stewart, la band esordisce nel 1969 con l’album From Genesis to Revelation (Decca). Gli avvicendamenti all’interno del gruppo cominciano sin dai primi anni, con l’uscita di Stewart, l’ingresso di Phil Collins come batterista, e già nel 1971 con l’album Nursey Cryme, i Genesis ottengono la consacrazione.

Dopo The lamb lies down on Broadway, album controverso e ricco sperimentazioni liriche e musicali, nel 1975 Gabriel abbandona il gruppo per tentare la carriera da solista e gli succede, nel 1976, e dopo varie audizioni, il batterista Phil Collins che inaspettatamente dimostra il proprio talento nei panni del vocalist.

Si susseguono a successi di critica e pubblico (i brani Dance on a volcano, Los endos, l’album A trick of the tail, e Seconds Out) altri meno convincenti. Nel 1986 con Invisible Touch, si esplica la nuova musica dei Genesis che si intravedeva, mista a nostalgie del passato, nei lavori precedenti.

Nel 1992 anche Phil Collins lascia il gruppo per la carriera da solista.